NEWS

Dieta mediterranea

La dieta mediterranea Patrimonio dell’Unesco

La parola “dieta” ha origini greche e sta a significare “stile di vita”. Questa precisazione è l’obbligato punto di partenza quando si va a parlare della dieta mediterranea, che troppo spesso viene considerata semplicemente un regime alimentare, ma in realtà è molto di più. Competenze, conoscenze, tradizioni popolari, abitudini familiari, passione per le materie prime più elementari, metodi di conservazione e preparazione, convivialità: tutto ricopre un ruolo importante nello stile di vita “mediterraneo” che accomuna i popoli che affacciano sul Mare Nostrum.
Il territorio di riferimento, per l’appunto quello dei Paesi che affacciano sul Mediterraneo, garantisce una tale biodiversità da renderla la dieta più ricca in termini di varietà di frutta e verdura, cereali, legumi, olii e fonti di proteine animali. I vantaggi di una tale biodiversità si stanno apprezzando sempre più in tempi recenti con la necessità di consumare cibi freschi di stagione, attenzione al “km zero” e alla filiera corta per gli approvvigionamenti.

Dal 2010 la dieta mediterranea è Patrimonio dell’Unesco e si susseguono innumerevoli gli studi che vanno ad approfondire i benefici di questo stile di vita nutrizionale su tutte le funzionalità del nostro organismo e sul benessere psico-fisico in generale: una dieta che riesce a tenere conto di tutte le dimensioni dell’essere umano, corporea ed emozionale, conviviale e sociale, mantenendo tra tutte un equilibrio di vitale importanza, senza rinunciare al gusto e all’appagamento dei sensi.
Se volessimo proporre una rivisitazione della piramide alimentare, adattandola allo stile Mediterraneo, potremmo porre alla base, fondamenta dell’intera struttura, l’appagamento sociale e la soddisfazione del desiderio di convivialità che il momento del pasto riesce a regalare. Da sempre lo stile mediterraneo ha fatto dell’apertura e dell’inclusione i propri cardini: basti pensare che un piatto tradizionale come pasta al pomodoro ha al suo interno prodotti arrivati da lontano come la pasta dalla tradizione araba e i pomodori dall’America, insieme a materie prime tipiche del nostro Paese, come olio e basilico, il tutto legato dalle ricette della tradizione. Proprio la tradizione e la passione per le materie prime sono al secondo gradino della piramide: secoli di esperienza culinaria e studio di ricette sane e gustose. Segue la stagionalità, filo conduttore da tenere ben presente per sfruttare al massimo la biodiversità che il territorio ci offre e godere a pieno dei nutrienti che la natura mette a nostra disposizione. Lo stile mediterraneo prevede poi una corretta e costante attività fisica, che va ad amplificare e sostenere i benefici della dieta seguita a tavola. Infine, caposaldo e punta della piramide, il concetto di limitare al massimo gli sprechi e favorire le abitudini del riuso e del consumo del cibo avanzato, caratteristica culturale insita nelle popolazioni mediterranee.

Volpi Pietro Srl P.IVA/C.F.: 01939920185 - © Copyright 2020  - All Rights Reserved
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram